Informazione creata ad arte (e cultura)

Diritto ad altre vite

Silloge poetica di Vincenzo Cocivera.
Foto

Diritto ad altre vite

Foto
Silloge poetica di Vincenzo Cocivera.

Diritto ad altre vite, come il suo titolo enfatico e assurdo suggerisce, è, in primo luogo, l’espressione di una ricerca, quella dell’autore, protesa verso l’ignoto. Essa incarna la ricerca di un linguaggio che, noncurante della sua indigenza costitutiva, sfidi i suoi propri limiti pur di tratteggiare il “verso del tutto” e di una visione che si apra alle verità di fatto, a quelle contingenti, a quel “qui e ora” che non può non essere il sale di un’arte, quella poetica, che dimora nell’Essere e, dell’essere, è immagine e custode.
Diritto ad altre vite è nientemeno che un aggrapparsi all’universalità concreta dell’istante e un ancorarsi a quella irriducibile della tragedia. Se per tragedia, infatti, si intende la tensione inallentabile e lo scontro-incontro tra le forme del bello e le mutevoli contraddizioni di un’esistenza, quella umana, schizofrenica e meravigliosa, ecco, quest’opera non è che una tragedia.

La nostra è la storia un diritto rivendicato: del diritto ad altre vite.

Vincenzo Cocivera, classe ’94, vive a Milano ed è docente, filosofo, bioeticista e scrittore.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Nulla die
ID: 387179
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.