Informazione creata ad arte (e cultura)

DELTABLUES 2024 GRAN FINALE

Si chiude la trentasettesima edizione di Deltablues con due artisti, uno statunitense e uno italiano, che hanno letteralmente fatto la storia della musica Soul e Blues: Bobby Rush e Fabio Treves. 12 e 13 luglio.

DELTABLUES 2024 GRAN FINALE

Si chiude la trentasettesima edizione di Deltablues con due artisti, uno statunitense e uno italiano, che hanno letteralmente fatto la storia della musica Soul e Blues: Bobby Rush e Fabio Treves. 12 e 13 luglio.

Quando si nomina Bobby Rush, si parla di una leggenda del blues che ha vinto 2 Grammy Award e 14 Blues Music Awards ed è presente dal 2006 nella prestigiosa “Hall of Fame”.

In oltre 70 anni di carriera artistica ha collaborato da pari a pari con vere leggende della musica Blues e Soul, per citarne solo alcuni dei maggiori Howlin ‘Wolf, Muddy Waters, Little Walter, Albert King e recentemente Buddy Guy e Christone “Kingfish” Ingram e ha all’attivo più di 400 registrazioni, 75 pubblicazioni e 27 album in studio a suo nome.

Il suo stile, “folk-funk” da lui inventato e che ha fatto scuola, raccoglie elementi di soul, blues rurale, pop “nero”, rock e disco.

Al talento musicale e compositivo unisce una gagliarda presenza scenica con una vocalità ipnotica e insinuante e un esperto uso della chitarra elettrica e dell’armonica.

Questa leggenda del blues americano, ha pubblicato il suo ultimo album ‘All My Love For You’ il 18 agosto dello scorso anno, a 89 anni di età, per Deep Rush Records.

L’apertura della prima delle due serate conclusive, venerdì 12 luglio, è affidata alla band marchigiana SACROMUD, vincitrice del concorso dello scorso anno per la partecipazione all’IBC 2024, e quindi reduci da Memphis dove hanno con successo partecipato lo scorso gennaio alla fase finale della più grande kermesse mondiale riservata alle nuove migliori band e solo duo da tutto il mondo.

SACROMUD però oltre alla meritata partecipazione sono una band consolidata, composta da grandi musicisti a partire da Maurizio Pugno e Raffo Barbi, capace di proporre un progetto musicale innovativo ma saldamente ancorato alle radici del Blues.

Sabato 13 si inizierà con le esibizioni dei tre finalisti al concorso nazionale per la partecipazione, in rappresentanza dell’Italia, all’International Blues Challenge di Memphis nel gennaio 2025, il più grande appuntamento mondiale per musicisti Blues emergenti, organizzato dalla Blues Foundation di Memphis alla quale Deltablues è l’unico festival italiano socio.

Quest’anno i tre finalisti, estremamente qualificati, che si disputeranno il successo, sono: Flavio Delladio Band, Guitar Bo Band, Umberto Porcaro Band.

A seguire il concerto che chiuderà la ventisettesima edizione di Deltablues sarà affidato a Fabio Treves con la sua Treves Blues Band che festeggia quest’anno 50 anni di ininterrotta carriera e non poteva mancare al Deltablues che inaugurò nella prima edizione nel lontano 1988.

Sono poche le band in Italia e nel mondo che possono vantare un simile traguardo!

Fondata nel 1974 la Treves Blues Band ha superato in mezzo secolo cambiamenti epocali di mode e costumi, sorretta dall’instancabile desiderio di far conoscere la bellezza e l’unicità del Blues, diventando un modello per migliaia di musicisti, diffondendo e facendo apprezzare il Blues in Italia e all’estero.

Sarà accompagnato dalla storica formazione che vede il talentuoso Alex Kid Gariazzo alle chitarre, voce, mandolino, ukulele, il granitico Gabriele “Gab D” Dellepiane al basso e l’eclettico Massimo Serraalla batteria.

Avrà inoltre per questo appuntamento due ospiti illustri, tra i tanti grandi artisti che hanno collaborato in carriera, Paolo Bonfanti e Maurizio “Gnola” Glielmo.

Il Deltablues Polesine è organizzato da Ente Rovigo Festival, grazie all’importante sostegno economico della Fondazione della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, con il patrocinio della Provincia di Rovigo e della Regione del Veneto, il sostegno dei Comuni di Rosolina, Lendinara e Loreo.

 

Partner di questa trentasettesima edizione del Festival

Rovigo Jazz Club, Assonautica Veneto Emilia, Slow Food Rovigo, le web radio RadioBlueTu di Rovigo e Stazione Blues Radio di Bologna, il magazine Il Blues, Az Blues e Rootsway.

Si ringraziano COOP Alleanza 3.0

 

Per informazioni consultare il sito internet www.deltablues.it, spedire una mail a info@deltablues.it, telefonare al 346 6028609, visitare le pagine Facebook Deltablues.it e Instagram DeltabluesRovigo,

 

Tutti i concerti con ingresso a pagamento prevedono la riduzione sul costo dei biglietti del 20% per i minori anni 18, i possessori UNIVERCITY CARD del Consorzio Università Rovigo, i soci Rovigo Jazz Club e Slow Food Rovigo, i soci COOP Alleanza 3.0

 

Facebook: https://www.facebook.com/deltablues.it

Instagram: https://www.instagram.com/deltablues_rovigo/

YouTube: https://www.youtube.com/@enterovigofestival9568

Email: info@deltablues.it

Web:

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da A-Z Press
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.