Informazione creata ad arte (e cultura)

Contemporary Music Hub, al via a Guarene la prima edizione

Un ciclo di quattro concerti nel Roero, cominciando il 30 ottobre presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, per celebrare “400 ANNI DI MUSICA CONTEMPORANEA”
IMPRESSO STUDIO
Photo credits: IMPRESSO STUDIO

Contemporary Music Hub, al via a Guarene la prima edizione

IMPRESSO STUDIO
Photo credits: IMPRESSO STUDIO
Un ciclo di quattro concerti nel Roero, cominciando il 30 ottobre presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, per celebrare “400 ANNI DI MUSICA CONTEMPORANEA”

Un mini-ciclo di quattro concerti, parte integrante del progetto “SNODI, Colline Co-creative di Langhe, Monferrato e Roero”, per rendere omaggio ai 400 anni della musica contemporanea: prenderà il via domenica 30 ottobre, a Guarene, il progetto artistico “Contemporary Music Hub”, promosso da International Music Exchange Association e realizzato in collaborazione con EstOvest Festival, VPerformance Milano, Armoniosa Ensemble e Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.

Il paese di Guarene – Comune capofila (insieme a Neviglie e Piea) dell’intervento finanziato grazie al Bando Borghi a valere sul PNRR – sarà il cuore pulsante della manifestazione ideata da I’M Exchange nell’ambito di “Roero CULTural Events”: nei mesi di ottobre, novembre e dicembre ecco che sarà dunque possibile vivere un anticipo del Festival, la rassegna che ogni anno – tra il 2 giugno e l’ultima domenica dello stesso mese – attraverso la musica da camera si pone come obiettivo non soltanto un’integrazione dell’offerta culturale del territorio, quanto piuttosto un cambio di passo nella narrazione di ciò che questa terra è in grado di offrire.

“Il Roero è storia millenaria, bellezze paesaggistiche uniche, vini di altissima qualità e, forse più di ogni altra cosa, una comunità che accoglie – afferma Adrian Pinzaru, direttore artistico di Roero CULTural Events –. Il turismo culturale è per sua natura tipicamente itinerante. Viaggiare significa incontrare, vivere un’esperienza. Accoglienza e senso di comunità sono i pilastri sui quali, fin dal principio, è stata ideata la Rassegna ‘Il Festival’. Contemporary Music Hub vuole essere un’anticipazione, di altissimo livello, della proposta che ogni anno, a cavallo tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate, intendiamo portare sul territorio”.

Il programma di domenica 30 ottobre prevede, a Palazzo Re Rebaudengo di Guarene, un unico appuntamento strutturato su due diversi momenti, cominciando alle ore 11.00 con la conferenza “Creatore e Interprete” (organizzata in collaborazione con EstOvest Festival, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Comune di Guarene e ATL Langhe Monferrato Roero), alla quale interverranno due intellettuali di primo piano del mondo musicale attuale, la filosofa e musicologa francese Danielle Cohen-Levinas, docente all’Università Sorbonne di Parigi, e il compositore e divulgatore musicale Francesco Antonioni, con la partecipazione di Alberto Brazzale, direttore organizzativo di Asiagofestival, manifestazione musicale che da decenni affianca alle esecuzioni dei capolavori del passato commissioni a grandi compositori del presente, e Claudio Pasceri, violoncellista e direttore artistico di EstOvest festival. In questa tappa della Contemporary Cello Week si approfondiranno i ruoli, le caratteristiche e il rapporto che intercorre tra il compositore e l’esecutore, tra chi fissa su carta una costruzione musicale e chi la tradurrà in suoni.
Alle ore 16.30, il concerto del violoncellista Francesco Dillon, musicista dal repertorio sterminato, “Creatore e Interprete – Carte blanche à Francesco Dillon”, che riproporrà in musica i frutti di anni di ricerca congiunta, confronto e scambio con i massimi creatori del nostro tempo. Il programma prevede: Emanuele Casale, Preghiera sui Fiori, Keiko Devaux, Sempervivum, Benjamin Britten, Suite n 3, Silvia Borzelli, Here/Folia, Kate Moore, Rebellion.
L’ingresso è libero, con prenotazione gradita a info@roeroculturalevents.it o +39 366 9824324.

Quindi il 13 novembre, alle 16.30, in collaborazione con Armoniosa Ensemble (Gaia Gaibazzi, Clarinetto, Marco Demaria, Violoncello, Chantal Balestri, Pianoforte), “Trio!”, con brani di Ludwig van Beethoven e Johannes Brahms.
L’8 dicembre, alle 18.30, in collaborazione con VPerformance Milano, Virtuoso Ensemble per “Radici ebraiche”, un omaggio alla musica del Novecento ispirata dal folclore ebraico.
Infine, il 18 dicembre, alle 16.30, in collaborazione con Armoniosa Ensemble (Stefano Cerrato, Violoncello a 5 corde, Marco Demaria, Violoncello, Michele Barchi, Clavicembalo), “I luoghi del Violoncello”, con brani di Johann Sebastian Bach, Carlo Graziani, e Antonio Vivaldi.

I concerti saranno seguiti o preceduti, a seconda del caso, da incontri didattici con gli studenti delle scuole di Guarene, secondo un progetto in via di definizione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Guarene.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Mariella Belloni
Photo credits: IMPRESSO STUDIO
ID: 368066
Licenza di distribuzione:
Emiliano Cecchi

Emiliano Cecchi

Web Designer per la PuntoWeb.Net sas, mi occupo anche di editoria online sin dal lontano 1996. Già ideatore e curatore di vari portali, sono il co-founder di LiquidArte.it dove svolgo anche il ruolo di content manager. Sono appassionato di storia e di tutto quanto può accrescere la mia cultura.