Informazione creata ad arte (e cultura)

Con “La sola ricchezza che conti” tornano in libreria le vicende di Michele Artusio, l’investigatore privato nato dalla penna di Stefano Sciacca

Lo scrittore torinese Stefano Sciacca è di nuovo in libreria con La sola ricchezza che conti in uscita il 20 ottobre (Mimesis edizioni, Narrativa Meledoro).
Foto

Con “La sola ricchezza che conti” tornano in libreria le vicende di Michele Artusio, l’investigatore privato nato dalla penna di Stefano Sciacca

Foto
Lo scrittore torinese Stefano Sciacca è di nuovo in libreria con La sola ricchezza che conti in uscita il 20 ottobre (Mimesis edizioni, Narrativa Meledoro).

L’investigatore privato Michele Artusio, già protagonista e “autore” de L’ombra del passato (Mimesis 2020), torna a narrare in prima persona un episodio della propria vita. In questo caso, una vicenda giovanile da cui sarebbe dipesa la scelta di indossare la maschera che il lettore ha conosciuto nella precedente apparizione.

Ambientato negli anni ’30 del secolo scorso – tratteggiati attraverso numerosi riferimenti alla società, alla cultura, alla politica e alla moda dell’epoca – il nuovo libro di Sciacca è un vero romanzo di formazione (e deformazione), malinconico, poetico, romantico. A tratti persino cavalleresco.

Il critico e cineasta Federico Pontiggia, nella sua prefazione, sottolinea precisamente che si tratta di «un ritorno al futuro in cui l’hardboiled sdilinquisce nell’esistenzialismo, la detection nella riflessione, il prossimo nel passato. Nel passato, sì, ma con l’inchiostro del presente, con la penna personale senza essere privata di Sciacca, che al genere chiede – e ha – conferma della propria autorialità».

«La sola ricchezza che conti è, tra le altre cose, la storia di un padre che in seguito alla nascita della sua bambina ha deciso di dedicare la propria vita a coltivare la migliore immagine di sé, convinto che si tratti della sola eredità che valga la pena di lasciare alla figlia. Anche io, in quanto autore, mi sono prefissato il medesimo obiettivo. Perciò ho scritto immaginando di rivolgermi a coloro che amo. E, in particolare, a Bianca. La mia primavera» ha dichiarato Sciacca.

In queste pagine ritroviamo alcuni punti fermi della sua poetica e in particolare, da una parte, la critica alle ossessioni e alle perversioni dell’individualismo borghese, dall’altra, l’elogio dell’inattualità e della solidarietà. Vengono poi ulteriormente sviluppate antitesi già accennate ne L’ombra del passato, come il confronto tra la complice generosità della natura e gli spietati artifici della città e la contrapposizione tra la cultura, che offre conforto e salvezza, e la moda che, al contrario, seduce, inganna, consuma.

Inaspettatamente nuovi, invece, sono il sorprendente e appassionato inno all’amore – si tratti del legame tra due giovani innamorati o di quello tra un padre e sua figlia – e l’affrancamento da qualunque connotazione patrimoniale e materialista dei concetti di ricchezza e di eredità. Nella convinzione appunto che nessun uomo possa possedere niente di più di se stesso e aspirare a lasciare agli altri null’altro che la migliore immagine di sé.

Il pretesto per tutte queste considerazioni è una solida e avvincente trama investigativa, contraddistinta da imprevisti, disvelamenti e colpi di scena. Senonché la ricerca di una specifica verità storica si confonderà con quella del senso della vita stessa. E, del resto, è appunto la deformazione professionale a indagare ad apparentare l’investigatore con lo scrittore, il quale svolge a propria volta un’indagine interiore.

L’AUTORE
Stefano Sciacca, laureato in giurisprudenza all’Università di Torino, ha studiato Human Rights Law presso la University of Oxford e collaborato con l’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale. È stato consigliere della Fondazione Culturale di Noli per la quale ha curato conferenze e mostre (Tracce di Realismo a Noli, 2015) e autore di romanzi (Il Diavolo ha scelto Torino, Robin 2014), di saggi di critica cinematografica (Fritz Lang, Alfred Hitchcock: vite parallele, Falsopiano 2014; Prima e dopo il noir, Falsopiano 2016), di sceneggiature (Suicidio allo specchio, finalista ToHorror Filmfest 2018) e di video sulla storia dell’arte e del cinema (Cinema e Psiche: il manipolatore, 2018; Gum sul canale Youtube Valiant).
Con Mimesis ha pubblicato Sir William Shakespeare, buffone e profeta (2018), L’ombra del passato (2020) e La sola ricchezza che conti (2023).

La sola ricchezza che conti
Stefano Sciacca
Mimesis edizioni, Narrativa Meledoro
Uscita: 20 ottobre 2023
Costo: Euro 22,00
Numero pagine: 371
ISBN: 9791222302409

La sola ricchezza che conti – Stefano Sciacca (https://mimesisedizioni.it)

Vi presento… La sola ricchezza che conti –

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Francesca Ghezzani
ID: 386091
Licenza di distribuzione:
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.