Informazione creata ad arte (e cultura)

Charles Manson: da cantautore a criminale

In occasione del prossimo Halloween, il racconto di una storia dal sapore horror, quella di Charles Manson. La sua chitarra autografata esposta alla mostra itinerante Serial Killer Exhibition, ci ricorda che l’autore della strage di Cielo Drive è stato anche un promettente songwriter.

Charles Manson: da cantautore a criminale

In occasione del prossimo Halloween, il racconto di una storia dal sapore horror, quella di Charles Manson. La sua chitarra autografata esposta alla mostra itinerante Serial Killer Exhibition, ci ricorda che l’autore della strage di Cielo Drive è stato anche un promettente songwriter.

Charles Manson nacque a Cincinnati nel 1934 da una prostituta sedicenne. La sua infanzia e la sua adolescenza furono un continuo passaggio inizialmente da una famiglia affidataria all’altra e, in seguito a reati minori, da un istituto correzionale all’altro.

Nel 1960 fu arrestato per sfruttamento della prostituzione e condannato a dieci anni di reclusione, ridotti poi a sette, durante i quali si dedicò allo studio della chitarra e iniziò a scrivere canzoni.

Uscito dal carcere nel 1967, si stabilì in California dove fondò una comune di giovani disadattati, soprattutto ragazze soggiogate dal suo carisma e la chiamò “The Manson Family”. Ben presto la Family diventò una spietata organizzazione criminale.

In seguito ad un incontro fortuito con Dennis Wilson, batterista dei Beach Boys, nel 1968 entrò in sala di registrazione a Los Angeles, con il supporto anche economico di Wilson, ed incise l’album “Lie: The Love and Terror Cult” accompagnato da una band composta da otto musicisti. L’album, che uscì in vinile formato 33 giri nel 1971 dopo la sua condanna definitiva per omicidio, era composto da quattordici brani, ma ne incise anche altri undici pubblicati poi nel CD uscito nel 2006. Comunque, alla sua uscita nel 1971, il vinile ottenne consensi dalla critica, ma non ebbe riscontro da parte del pubblico ottenendo soltanto scarse vendite dovute sicuramente alla triste fama che Manson si era guadagnato in quegli anni.

Tra i brani si ricorda “Look at Your Game, Girl” successivamente incisa dai Guns N’ Roses. I guadagni derivati dai diritti d’autore, furono però devoluti al figlio di una delle vittime di Manson.

Altro brano divenuto famoso è “Cease to Exist”, che Wilson incise con i Beach Boys cambiandone il titolo in “Never Learn Not to Love” e accreditandone a suo nome i diritti d’autore.

Nel frattempo, però, Manson era diventato il mandante di ben nove omicidi.

Nell’ agosto del 1969 Gary Hinman, un insegnante di musica che mesi prima aveva dato ospitalità alla Manson Family ma in seguito li aveva allontanati. Fu accoltellato in casa e sulla parete fu scritta con il suo sangue la scritta Political Piggy.

Sulle cause degli omicidi successivi le versioni sono discordanti: Secondo una prima ipotesi, essendo stato arrestato l’unico esecutore materiale dell’omicidio di Hinman, Manson avrebbe commissionato ai suoi adepti degli omicidi simili per dimostrarne l’innocenza.

L’ipotesi più probabile però, sembra essere la vendetta. A Manson era stato rifiutato un contratto col produttore discografico Terry Melcher (figlio dell’attrice Doris Day) ed il suo scopo era penetrare all’interno della sua villa ed ucciderlo. Nel frattempo, però, la villa era stata venduta al regista Roman Polansky, che in quei giorni si trovava a Londra per lavorare ad un film al quale rinunciò successivamente alla strage. In casa c’erano sua moglie, l’attrice Sharon Tate, all’epoca ventiseienne ed incinta di otto mesi, e altre quattro persone.

I seguaci di Manson gli uccisero a coltellate, la Tate fu sventrata ed il feto, che in seguito fu sepolto con lei, fu estratto. Infine, gli assassini scrissero sul muro col sangue della stessa Tate la parola Pig.

Il giorno dopo, Manson fece uccidere nello stesso modo i coniugi LaBianca, un imprenditore e sua moglie.

Infine, l’ultimo omicidio commesso dalla Manson Family fu quello di Donald Shea, un lavorante del ranch dove la Manson Family si era stabilita che, secondo Manson, era colpevole di avere sposato una donna di colore, ma che aveva anche avuto una lite con lui durante la quale erano venuti alle mani.

Manson come mandante e gli esecutori materiali dei crimini, furono condannati a morte nel 1971, ma per loro immeritata fortuna, lo Stato della California abolì la pena capitale l’anno seguente, per cui la pena fu commutata in ergastolo.

Manson, sofferente di tumore al colon, morì nel 2017 senza che le sue ripetute richieste di scarcerazione venissero accettate.

Un musicista che sarebbe potuto diventare un brillante songwriter, viene invece ricordato come uno dei più spietati criminali del Novecento.

 

Questo il link del video musicale di Look at your game, girl di Manson: https://www.youtube.com/watch?v=72t87hR1vQo

Sotto il video di The Beach Boys ft Charles Manson – Never Learned Not To Love del 1969.



Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Raimondo Banchetti
Picture of Raimondo Banchetti

Raimondo Banchetti

Laureato in lettere ad indirizzo storico-artistico, appassionato di musica, ha studiato diversi strumenti, sia a fiato che a corda.