Informazione creata ad arte (e cultura)

Carlo Diano “Commento a Leopardi”

Domani, giovedì 15 febbraio alle 17.30 in Sala Anziani a Palazzo Moroni, in occasione del cinquantesimo anniversario dalla morte di Carlo Diano, il Comitato di Padova della Società Dante Alighieri presenta il volume “Commento a Leopardi”, tesi di laurea dell’illustre grecista filologo e filosofo italiano, discussa nel 1923, e ora edita da Mimesis Edizioni. Partecipano all’incontro Maristella Mazzocca e Francesca Diano.
Ufficio stampa
Photo credits: Ufficio stampa

Carlo Diano “Commento a Leopardi”

Ufficio stampa
Photo credits: Ufficio stampa
Domani, giovedì 15 febbraio alle 17.30 in Sala Anziani a Palazzo Moroni, in occasione del cinquantesimo anniversario dalla morte di Carlo Diano, il Comitato di Padova della Società Dante Alighieri presenta il volume “Commento a Leopardi”, tesi di laurea dell’illustre grecista filologo e filosofo italiano, discussa nel 1923, e ora edita da Mimesis Edizioni. Partecipano all’incontro Maristella Mazzocca e Francesca Diano.

In occasione del cinquantesimo anniversario dalla morte dell’illustre grecista filologo e filosofo italiano, il Comitato di Padova della Società Dante Alighieri presenta domani, giovedì 15 febbraio alle 17.30 in Sala Anziani a Palazzo Moroni, il volume “Commento a Leopardi”, tesi di laurea di Carlo Diano, discussa nel 1923, edita nel 2023 da Mimesis Edizioni per celebrarne il centenario.

«Ringrazio profondamente Raffaella Bettiol e Maristella Mazzocca che hanno voluto celebrare questo cinquantesimo anniversario con un evento davvero importante, cui sono onorata di partecipare – racconta Francesca Diano, che sarà presente all’incontro – La vita di mio padre, e dei Maestri come lui, dedicata alla conoscenza e al sapere, ma anche al grande amore per la vita stessa, deve essere di ispirazione per i nostri giovani e anche di guida a guardare sempre verso le più grandi altezze».

In questo scritto giovanile, compaiono già la qualità e la varietà degli interessi leopardiani del grecista, filologo e filosofo, che affronta l’intera produzione di Leopardi, confrontandosi con spirito critico e già molto originale con le principali interpretazioni del tempo, da quella di Francesco De Sanctis a quelle di Giovanni Gentile e Benedetto Croce.

Il testo è introdotto dai curatori Francesca Diano e Gaspare Polizzi, che esaminano rispettivamente il valore esistenziale e formativo di questa ricerca per il giovane Diano, su un autore che “egli amò e che più lo accompagnò nella vita”, e il contesto storico-culturale, nel quadro delle interpretazioni leopardiane del periodo.

Il pensiero anticipatore e innovativo di Diano emerge in particolare dagli illuminanti inediti di cui Francesca Diano si è avvalsa, contenuti nei quaderni preparatori della tesi, da lei recentemente ritrovati, e dall’epistolario, conservati nell’Archivio del padre.

Il volume comprende anche, in un’appendice, il “Dialogo fra Epicuro e Leopardi” di Francesca Diano.

Introduce l’incontro Maristella Mazzocca, presidente del Comitato di Padova della Società Dante Alighieri.

Carlo Diano
Filosofo e filologo classico italiano (Vibo Valentia 1902 – Padova 1974), professore nei licei, poi all’Università di Bari e Lettore di Italiano in Svezia e Danimarca (1936 – 1943) poi di letteratura greca all’Università degli Studi di Padova (dal 1950). Si è soprattutto occupato di Epicuro, di cui ha edito Epicuri Ethica (1946) e Lettere di Epicuro e dei suoi (1946). Tra le altre opere: Forma ed evento: principî per una interpretazione del mondo greco (1952; 2a ed. 1960); Linee per una fenomenologia dell’arte, 1956; Saggezza e poetiche degli antichi, 1968; Studi e saggi di filosofia antica, 1973; Scritti epicurei, 1974. Ha curato l’edizione critica dei frammenti di Eraclito (completata dopo la sua morte da G. Serra, 1980).

Ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti.

Per informazioni

Società “Dante Alighieri” – Comitato di Padova
049.664238 – dantealighieripadova@gmail.com

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Giuseppe Bettiol
Photo credits: Ufficio stampa
ID: 391861
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.