Informazione creata ad arte (e cultura)

Carlo Aonzo, mandolino solista con l’Orchestra Mandolinistica Città di Torino

Si terrà sabato 15 aprile alle ore 17:00 presso la Cappella dei Mercanti in via Giuseppe Garibaldi, nell’ambito del Torino Chamber Music Festival, il concerto dal titolo “50 anni di musica ed emozioni” che vede protagonista, in veste di ospite solista, il mandolinista di fama internazionale Carlo Aonzo con l’Orchestra Mandolinistica Città di Torino.
Foto

Carlo Aonzo, mandolino solista con l’Orchestra Mandolinistica Città di Torino

Foto
Si terrà sabato 15 aprile alle ore 17:00 presso la Cappella dei Mercanti in via Giuseppe Garibaldi, nell’ambito del Torino Chamber Music Festival, il concerto dal titolo “50 anni di musica ed emozioni” che vede protagonista, in veste di ospite solista, il mandolinista di fama internazionale Carlo Aonzo con l’Orchestra Mandolinistica Città di Torino.

Torino vanta una storia mandolinistica di primo piano: è qui che viene fondato e diffuso in tutta Italia “Il Mandolino”, primo periodico a stampa di repertorio e cultura dello strumento a pizzico che era altresì di casa presso i reali sabaudi con S.A.R. la Regina Margherita, grande appassionata e “testimonial” naturale ed esclusivo dello strumento.

Il concerto organizzato dall’Associazione Musicaviva coinvolge l’Orchestra Mandolinistica Città di Torino che festeggia in questa occasione i suoi 50 anni di attività; nasce infatti nel 1973 dall’incontro di due grandi appassionati di mandolino nonché musicisti: Franco Zangirolami e Giacomo Gai. Attualmente l’orchestra è diretta dal Maestro Pier Carlo Aimone. Per questa occasione l’orchestra composta da 19 eccellenti musicisti ospita in veste di solista il mandolinista ligure Carlo Aonzo.

Programma musicale mandolino solo – M° Carlo Aonzo

Filippo Sauli (prima metà XVIII sec.): Partita I (1. Allemanda 2. Corrente 3. Sarabanda 4. Bourrée 5. Giga 6. Minuetto) / Johann Sebastian Bach (1685-1750): Suite di brani scelti dalle Sonate e Partite per violino solo e dalle Suite per violoncello solo / Giuseppe Milanesi (1891-1950): Studio Scherzo in Re minore / Raffaele Calace (1863-1934): Notturno – Cielo Stellato in Sol minore op. 186 – Preludio II in Re minore op. 49 / Gianluca Fortino (1976): Free-Motion (Toccata)

Programma musicale “Orchestra Mandolinistica Città di Torino”

Wolfgang Amadeus Mozart (1756 – 1791): Eine kleine Nachtmusik K. 525 / Raffaele Calace (1863 – 1934): Danza Spagnola / Pietro Mascagni (1863 – 1945): Intermezzo da Cavalleria Rusticana / Dmítrij Dmítrievič Šostakóvič (1906 – 1975): Valzer n. 2 (dalla Suite per orchestra di varietà) / Antonio Lucio Vivaldi (1678 – 1741): Concerto in Do maggiore (mandolino solista – M° Carlo Aonzo) / Nicodemo Bruzzone (1922 – 1998): Da un balcone ungherese (Czardas) (mandolino solista – M° Carlo Aonzo)

CARLO AONZO

Mandolinista italiano di fama internazionale, ha studiato presso il Conservatorio di Padova, collabora con prestigiose istituzioni quali l’Orchestra Filarmonica del Teatro alla Scala di Milano, il Maggio Musicale Fiorentino, la Nashville Chamber Orchestra e si esibisce in tutto il mondo nelle maggiori sale da concerto tra cui la Carnegie Hall di New York, la Filarmonica di San Pietroburgo (Russia), la Toyoshu Hall di Tokyo e tiene regolarmente masterclass in Europa, Giappone e Stati Uniti.

Docente presso il Conservatorio di Ferrara, concertista, ricercatore, fondatore e direttore dell’Accademia Internazionale Italiana di Mandolino, cura la rassegna Mandolini in Mostra presso Cremona Musica Exhibitions & Festivals.

Innumerevoli i suoi progetti discografici ed editoriali sia in ambito classico che non, tesi alla riscoperta e nobilitazione del mandolino in tutte le sue declinazioni espressive. Tra le sue collaborazioni più recenti quella con il Direttore d’orchestra Federico Maria Sardelli e il Maestro pianista Bruno Canino.

https://www.carloaonzo.com

ORCHESTRA MANDOLINISTICA CITTÀ DI TORINO

È nata nel 1973 con lo scopo di mantenere vivo l’interesse per gli strumenti a plettro e a pizzico attraverso una continua attività concertistica, spesso dedicata a scopi benefici (raccolte fondi a sostegno di cause umanitarie, concerti per anziani, per comunità di cura). L’orchestra è costituita da una ventina di strumentisti suddivisi tra mandolini primi, mandolini secondi, mandole, chitarre, contrabbasso, flauto e percussioni. Il repertorio, molto vasto, comprende trascrizioni di brani classici, parti di opere e operette, composizioni scritte appositamente per orchestre a plettro, e raccolte di arie popolari e tradizionali. Ha tenuto più di 450 concerti esibendosi presso le più prestigiose sale da concerto della città: il Teatro Nuovo, il Teatro Regio, l’Auditorium Vivaldi, il Salone dell’Automobile di Torino. La sua attività concertistica si è svolta in diverse città in Italia e all’estero tra cui Ferrara, Cremona, Bolzano, Città di Castello, Ugine, Chambery e Albertville in Francia, Montecarlo nel Principato di Monaco e molte altre. Negli anni ’80 si esibì per un mese intero al Teatro Alfieri con la compagnia di Mario Ferrero. Nel 1991 ebbe inizio, su iniziativa dell’allora Presidente Franco Zangirolami, la “Rassegna Mandolinistica” che per tredici anni consecutivi richiamò a Torino una serie di prestigiose orchestre italiane ed estere. Dal 2010 collabora con l’”Associazione Nazionale Venezia Giulia Dalmazia” per l’ormai consueto concerto in occasione del “Giorno del Ricordo” presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino. La direzione dell’Orchestra è affidata al maestro Pier Carlo Aimone, torinese, valente chitarrista e cantante (basso) del coro Cai Uget di Torino e del gruppo vocale Choarus.

Home

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da RM/BlueArt Promotion
ID: 375908
Licenza di distribuzione:
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.