Informazione creata ad arte (e cultura)

Buster Keaton: il comico triste e serio

Ricordo del mitico attore americano del Cinema muto che nasceva il 4 Ottobre del 1895, a Piqua, nel Kansas, U.S.A.
Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci

Buster Keaton: il comico triste e serio

Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
Ricordo del mitico attore americano del Cinema muto che nasceva il 4 Ottobre del 1895, a Piqua, nel Kansas, U.S.A.

Il 4 Ottobre del 1895, a Piqua, nel Kansas, U.S.A., nasceva il grande attore Buster Keaton. Il suo vero nome era Joseph Frank Keaton e fu anche regista e sceneggiatore, considerato tra i grandi maestri del cinema muto. I genitori erano attori del genere “vaudeville” e lo fecero esordire in sketch comici con loro fin dall’età di tre anni, nel 1899. Trascorse l’infanzia più sul palcoscenico che a scuola (che non frequentò mai compiutamente) e dal 1917 si trasferì a New York dove iniziò ad avere i primi contratti cinematografici. Fin da subito caratterizzò la sua “maschera da comico” con un’espressione stralunata, malinconica e seria, che lo differenziò da tutti gli altri comici. Dagli inizi degli anni venti Keaton creò una propria compagnia: la “Buster Keaton Comedies” ed iniziò ad integrare la sua attività di attore con quella di soggettista, sceneggiatore e regista per cortometraggi, caratterizzando le sue opere sul tema degli “opposti” (veglia e sonno, realtà e finzione, consueto ed imprevisto). Passò poi ai lungometraggi raggiungendo il grande successo e finì poi per passare a lavorare con le “major” come la “Metro Goldwyn-Mayer”,con la quale arrivò all’inizio del “sonoro”, periodo nel quale arrivò anche il declino. Dopo varie vicissitudini affettive e lavorative negative arrivarono i gravi problemi di alcolismo che gli causarono attacchi di “delirium tremens” ed un ricovero in psichiatria con camicia di forza per impedirgli di bere e salvargli la vita. Nella seconda metà degli anni trenta riprese da sobrio la sua attività, fino agli anni ’60, con un susseguirsi di esperienze anche televisive, di successo, con importanti riconoscimenti e premi, oltre ad una fortunata riscoperta da parte del pubblico. Morì nel 1966 per un tumore ai polmoni.

Questa mia opera a carboncino è in suo omaggio e memoria.

Bruno Pollacci
Direttore dell’Accademia d’Arte di Pisa

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
ID: 384343
Licenza di distribuzione:
Bruno Pollacci

Bruno Pollacci

Pittore. Nato a Lucca nel 1954, vive e lavora a Pisa. Ha conseguito il Diploma di Maturità Artistica presso il Liceo Artistico Statale di Lucca ed ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Firenze sotto la guida del Maestro Fernando Farulli. Ha iniziato l'attività artistica nel 1968. Nel 1978, con il pittore Marco Menghelli, ha fondato l'Accademia d'Arte di Pisa, che tutt'ora dirige e nella quale insegna Pittura e Disegno.