Pisa in Arte

L'arte a Pisa e dintorni

ANNA PAGLIA: L’altro lato del sogno / Abitare una poesia

Dal 6 Aprile 2024 presso il GAMeC CentroArteModerna di Pisa – Lungarno Mediceo, 26 – la mostra personale “L’altro lato del sogno / Abitare una poesia”, ordinata e curata da Massimiliano Sbrana, della nota ed apprezzata autrice emiliana Anna Paglia, la cui ricerca astratta della “rìverie” si esprime su tele, spesso di grandi dimensioni e dove la fantasia spazia in un mondo immaginifico di forme e colori. LA MOSTRA E’ STATA PROROGATA FINO AL 24 APRILE.

ANNA PAGLIA: L’altro lato del sogno / Abitare una poesia

Dal 6 Aprile 2024 presso il GAMeC CentroArteModerna di Pisa – Lungarno Mediceo, 26 – la mostra personale “L’altro lato del sogno / Abitare una poesia”, ordinata e curata da Massimiliano Sbrana, della nota ed apprezzata autrice emiliana Anna Paglia, la cui ricerca astratta della “rìverie” si esprime su tele, spesso di grandi dimensioni e dove la fantasia spazia in un mondo immaginifico di forme e colori. LA MOSTRA E’ STATA PROROGATA FINO AL 24 APRILE.

Anna Paglia, nasce a Castelnovo nei Monti (RE) ma la sua formazione inizia a Genova, dove trascorre la prima parte della sua vita. Trasferitasi nuovamente in provincia di Reggio Emilia si mette in gioco con una prima esposizione nel 2000 sperimentando vari linguaggi pittorici. Nel 2002 incontra il poeta musicista Marcel e inizia una collaborazione che porta alla fondazione della Galleria di Arte Metamorfosi di Reggio Emilia. Galleria che ben presto diviene punto d’incontro di intellettuali, artisti e critici. Tra esposizioni e riflessioni sui vari movimenti d’arte, nel 2004 l’attenzione si concentra sul concetto filosofico del Surrazionale ideato da Marcel Cadoni, ripreso e ulteriormente rielaborato dallo storico Franco Canova, dalla stessa Anna Paglia, dal simbolista Paolo Navale. Nell’Aprile 2010, insieme a Franco e Marcel, fonda ufficialmente il Movimento Surrazionale con riferimenti al Filosofo Francese Gaston Bachelard (1884-1962).

Una prima esposizione delle opere surrazionali, dal titolo L’universo e lo Zodiaco in cui l’artista “semina la terra per creare il cielo”, fu presentata dal Critico Marzio Dall’Acqua e curata da Franco Canova, nelle sale di Palazzo Casotti (col patrocinio dei Musei, dell’Assessorato alla Cultura e ai progetti speciali del Comune di Reggio Emilia).

In seguito ha esposto in altri Musei. Ha al suo attivo numerose mostre in Italia (Reggio Emilia, Modena, Ostuni, Genova, Savona, Parma, Perugia, Ascoli Piceno, Mantova, Viterbo, Roma, Firenze, Pisa, Ischia, Gubbio, Venezia, Spoleto, Milano…), e nelle principali Città Europee (Vienna 2010, Praga 2011, Sofia 2012, Londra 2013, Parigi 2013, Bruxelles 2014, Zurigo 2015, Montreux 2016, Innsbruck 2016, Barcellona 2018, Mosca 2018, Niûnij Novgorod 2018, San Pietroburgo 2019). Sue opere figurano in collezioni private italiane ed estere, in ambienti pubblici e ecclesiastici, tra cui tre grandi trittici: Oltre, rappresentante la Trasfigurazione di Gesù e il Cristo della Misericordia, ambedue circondati dagli universi luminosi e collocati il primo, nella nuova chiesa Parrocchiale di Reggiolo, il secondo nella Chiesa della Madonna Greca Madre della Misericordia di Portopalo Capopassero in Sicilia infine un terzo, Matilda, dedicato a Matilde di Canossa, nelle sale del Comune di Carpineti.

Ingresso libero. Orari: 10-12,30/16-18,30 (feriali); chiuso lunedì.

Apertura Straordinaria Domenica 7 Aprile 2024 con orario 16-18,30.

Info: mobile +39 3393961536 | e-mail mostre@centroartemoderna.com

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Ufficio stampa GAMeC PISA – Massimiliano Sbrana
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.