Informazione creata ad arte (e cultura)

Alberto Burri: sperimentatore informale

Ricordo di uno dei più grandi artisti del ‘900 italiano
Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci

Alberto Burri: sperimentatore informale

Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
Ricordo di uno dei più grandi artisti del ‘900 italiano

Il 13 febbraio 1995, il mondo dell’arte piangeva la scomparsa di Alberto Burri, illustre esponente dell’arte contemporanea, nato nel 1915 a Città di Castello, in Umbria. La sua formazione iniziale in medicina, conclusa con una laurea presso l’Università di Perugia, e la successiva esperienza come medico militare durante la Seconda Guerra Mondiale, non preannunciavano la svolta artistica che avrebbe caratterizzato la sua vita dopo il 1944. Catturato e internato in un campo di prigionia in Texas, fu proprio in questo contesto che Burri iniziò a esplorare la pittura.

Contrariamente a quanto suggerito, la sua avvicinazione alla pittura non fu immediatamente legata alla Scuola Romana o alla pittura tonale figurativa, ma fu piuttosto un’espressione autodidatta e sperimentale, che si sviluppò in modo più marcato al suo ritorno in Italia. La sua evoluzione artistica lo vide presto allontanarsi dalla figurazione verso l’astrattismo e l’arte informale, esplorando l’uso innovativo di materiali non convenzionali come catrame, sacchi di juta, plastica, ferro e, non da ultimo, le sue celebri combustioni.

Burri non fu direttamente associato al Movimento Spaziale, sebbene condividesse l’interesse per la sperimentazione e l’innovazione con artisti di quel gruppo. La sua partecipazione a importanti eventi internazionali, come la Biennale di Venezia, e le mostre personali a Chicago e New York negli anni ’50, furono decisivi per affermare la sua reputazione a livello internazionale. Le sue opere furono esposte in prestigiose istituzioni come il Solomon R. Guggenheim Museum e il Museum of Modern Art di New York, consolidando il suo ruolo di protagonista nell’arte del XX secolo.

Le successive fasi creative di Burri si caratterizzarono per la continua sperimentazione con materiali e tecniche, tra cui le serie dei Cretti e le grandi installazioni di land art, che riflettevano il suo incessante desiderio di esplorare nuove possibilità espressive. Le sue opere, presenti nelle collezioni dei maggiori musei internazionali, testimoniano l’importanza e l’influenza del suo contributo nel panorama artistico contemporaneo.

Questa mia opera a sanguigna e seppia acquerellate ed acquerello è in suo omaggio e memoria.

Bruno Pollacci
Direttore dell’Accademia d’Arte di Pisa

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
ID: 391829
Licenza di distribuzione:
Picture of Bruno Pollacci

Bruno Pollacci

Pittore. Nato a Lucca nel 1954, vive e lavora a Pisa. Ha conseguito il Diploma di Maturità Artistica presso il Liceo Artistico Statale di Lucca ed ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Firenze sotto la guida del Maestro Fernando Farulli. Ha iniziato l'attività artistica nel 1968. Nel 1978, con il pittore Marco Menghelli, ha fondato l'Accademia d'Arte di Pisa, che tutt'ora dirige e nella quale insegna Pittura e Disegno.