Informazione creata ad arte (e cultura)

A San Clemente (RN): Cibo, vini e cultura per la serata finale di NOTE DI VINO 2023 con la Regione PUGLIA

In Piazza Mazzini, con le canzoni di Matteo Salvatore il Cantastorie, Domenica 23 Luglio 203
Foto

A San Clemente (RN): Cibo, vini e cultura per la serata finale di NOTE DI VINO 2023 con la Regione PUGLIA

Foto
In Piazza Mazzini, con le canzoni di Matteo Salvatore il Cantastorie, Domenica 23 Luglio 203

Ultimo appuntamento a San Clemente, grazioso Borgo sui colli riminesi, per NOTE DI VINO 2023, l’evento dedicato alla valorizzazione del vino e dei cibi, con degustazione e assaggi di prodotti tipici delle Regioni ospitate, in una atmosfera di festa, assieme ad ottima musica, mentre, dal palco della centrale Piazza Mazzini, Dino Gnassi, Direttore artistico e Bruno Piccioni, della Associazione Sommelier ER, illustrano storia e usanze della Regione ospitata.

Dopo Lombardia e Lazio, è la PUGLIA ospite della serata di Domenica 23 Luglio 2023, dalle ore 20’45, per una serata tutta particolare, con un viaggio nella storia della Regione accompagnata dalle parole di Matteo Salvatore Cantastorie “CHI SONA E CANTA NON MORE MAI”: il racconto della fame, della miseria, dello sfruttamento dei braccianti.

E ancora le storie d’amore piene di spaccati del Sud: un patrimonio per tenere viva la Musica e la Tradizione.

Cibo, vini e cultura per la serata finale di NOTE DI VINO 2023 con la Regione PUGLIA.

I VINI IN DEGUSTAZIONE
AZIENDA: Masseria Surani (Manduria, Taranto)
Fiano
Negroamaro Rosé
Primitivo-Cabernet Sauvignon
Amaro San Marzano

I PIATTI IN DEGUSTAZIONE
Burrata di Andria, pomodori secchi e acciughe
Strascinati al sugo di carne
Braciolette con pecorino alla San Ferdinando
Tette delle Monache (Sospiri pugliesi)

Matteo Salvatore

“Il Cantastorie”, nato a Apricena nel 1925 , il suo periodo di attività musicale va dal 1955 al 2005 , anno della sua morte a Foggia.

Compositore e cantante di musica popolare, oltre che interprete di canti tradizionali del Gargano, Matteo Salvatore trascorre l’infanzia nella povertà che affligge la terra natìa e l’Italia intera dopo la prima guerra mondiale, tanto che proprio infanzia e povertà diventano i temi maggiormente ricorrenti nei testi delle sue canzoni.

Fin dagli anni Cinquanta compone ed esegue ballate tipicamente pervase da un’aura di allegria e comicità, e arricchite di aneddoti divertenti narrati attraverso un linguaggio caratterizzato da particolare irriverenza.

Viene scoperto da Claudio Villa, che gli fa firmare un contratto per la sua stessa etichetta, la Vis Radio: debutta così nel 1955 con i primi tre 78 giri, pubblicati lo stesso giorno e contenenti sei brani registrati in un’unica sessione.

Pur avendo vissuto una giovinezza di miseria e di analfabetismo, grazie all’affermarsi del talento musicale e alla forza poetica delle sue parole riesce a trovare il proprio riscatto, suscitando l’apprezzamento del pubblico e la stima da parte di diversi intellettuali, tra cui Italo Calvino, secondo il quale «Le parole di Matteo Salvatore noi le dobbiamo ancora inventare.»

Nel 1973 la sua carriera conosce un’interruzione: viene infatti arrestato con l’accusa di aver ammazzato la sua compagna, la cantante Adriana Doriani; sconta una pena mite (appena 7 anni, poi diventati 4 per buona condotta), secondo le leggi della Repubblica di San Marino ove era avvenuto l’omicidio.

Tra i suoi estimatori anche Vinicio Capossela, che durante il concerto del Primo Maggio 2010 lo ha identificato come “il più grande cantore sullo sfruttamento”.

In una sua recente canzone, Italia minore, Eugenio Bennato descrive in pochi versi il grande artista pugliese:

«Grande poeta di povera gente
figlio diverso del sud dell’Italia,
la tua canzone è un emigrante
che va a cercare fortuna in Germania.»

La sua Discografia, a 78 e 33 giri è molto ampia, in particolare:

1963 – Brutta cafona. 12 canzoni folcloristiche pugliesi (Galleria del Corso, POP 1515)
1963 – Storie e melodie d’amore del Sud (Royal, msr M 300/006)
1966 – Il lamento dei mendicanti (I Dischi del Sole, DS 140/142)
1966 – Puglia (Fonit Cetra, LPP 60)
1971 – Le mie Puglie – Padrone mio ti voglio arricchire (Amico, ZSKF 55038); con Adriana Doriani)
1973 – Le quattro stagioni del Gargano (Amico, DZSLM 55139; album quadruplo)
1973 – Del caldo Sud (Broadway, BW 13061)
1978 – Zompa, balla e ridi…con Matteo Salvatore (Fonit Cetra, LPP 383)
1978 – Matteo Salvatore (Fonit Cetra, LPP 389–390; album doppio)

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Giancarlo Garoia
ID: 380937
Licenza di distribuzione:
Picture of Emiliano Cecchi

Emiliano Cecchi

Web Designer per la PuntoWeb.Net sas, mi occupo anche di editoria online sin dal lontano 1996. Già ideatore e curatore di vari portali, sono il co-founder di LiquidArte.it dove svolgo anche il ruolo di content manager. Sono appassionato di storia e di tutto quanto può accrescere la mia cultura.