Informazione creata ad arte (e cultura)

A Ravenna Festival, Ottavio Dantone dirige LA CREAZIONE di Franz Joseph Haydn

Oratorio per soli, coro e orchestra Hob:XXI:2. Classe, Ravenna, Venerdì 24 Maggio 2024, ore 21,30.
Foto

A Ravenna Festival, Ottavio Dantone dirige LA CREAZIONE di Franz Joseph Haydn

Foto
Oratorio per soli, coro e orchestra Hob:XXI:2. Classe, Ravenna, Venerdì 24 Maggio 2024, ore 21,30.

RAVENNA FESTVAL 2024

Quando Haydn, libero dall’obbligo di residenza presso la famiglia Esterházy, seppur non più giovane accetta l’invito dell’impresario Salomon a Londra, “scopre” il successo lì riscosso dagli oratori di Händel. Di ritorno a Vienna, porta con sé un libretto ispirato alla Genesi e a Paradise lost di Milton, che, tradotto in tedesco da Gottfried van Swieten, diviene la base del suo oratorio più celebre. L’idea della creazione del mondo si sviluppa nel processo di elaborazione formale, sin dalla celebre Ouverture, La rappresentazione del caos, ma quando l’arcangelo Raffaele inizia a narrare la Genesi, il coro annuncia la luce e un improvviso accordo di do maggiore libera il processo creativo annunciando la vita. Quale miglior sodalizio – Accademia Bizantina con il Coro viennese – per restituirne la raffinata ricchezza?

Basilica di Sant’Apollinare in Classe, Via Romea Sud, 224 – Classe, Ravenna

Venerdì 24 maggio 2024, ore 21:30

Franz Joseph Haydn
La Creazione
Die Schöpfung

Oratorio per soli, coro e orchestra Hob:XXI:2

Direttore Ottavio Dantone

Charlotte Bowden soprano
Martin Vanberg tenore
Andre Morsch basso

Accademia Bizantina

Philharmonia Chor Wien
direttore Walter Zeh

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Giancarlo Garoia
ID: 397989
Licenza di distribuzione:
Picture of Emiliano Cecchi

Emiliano Cecchi

Web Designer per la PuntoWeb.Net sas, mi occupo anche di editoria online sin dal lontano 1996. Già ideatore e curatore di vari portali, sono il co-founder di LiquidArte.it dove svolgo anche il ruolo di content manager. Sono appassionato di storia e di tutto quanto può accrescere la mia cultura.