Informazione creata ad arte (e cultura)

A.C. Reed: il Blues con la voce ed il sax

Ricordo del grande bluesman del Missouri
Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci

A.C. Reed: il Blues con la voce ed il sax

Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
Ricordo del grande bluesman del Missouri

Il 24 febbraio 2004, a Chicago, nell’Illinois (USA), ci lasciava il bluesman A.C. Reed, rinomato sia come vocalist che come sassofonista. Nato nel 1926 a Wardell, Missouri, Reed si trasferì a Chicago durante la Seconda Guerra Mondiale. Qui, si esibì per molti anni al fianco di numerosi bluesmen di spicco dell’epoca, fino all’inizio degli anni ’60. Nel 1961, decise di intraprendere la carriera da solista, pubblicando il suo primo singolo. Nel 1967, entrò a far parte della band di Buddy Guy, uno dei pilastri del blues, partecipando anche a un tour in Africa nel 1969. Nel 1970, Reed e Junior Wells fecero da spalla ai Rolling Stones in alcuni concerti. Durante gli anni ’70 e ’80, collaborò con artisti del calibro di Son Seals e Albert Collins. Fu proprio negli anni ’80 che Reed iniziò a registrare da solista sotto l’etichetta Alligator Records, avvalendosi della collaborazione di leggende come Stevie Ray Vaughan e Bonnie Raitt.

Questa mia opera ad acquerello e grafite è in suo omaggio e memoria.

Bruno Pollacci
Direttore dell’Accademia d’Arte di Pisa

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
ID: 392554
Licenza di distribuzione:
Bruno Pollacci

Bruno Pollacci

Pittore. Nato a Lucca nel 1954, vive e lavora a Pisa. Ha conseguito il Diploma di Maturità Artistica presso il Liceo Artistico Statale di Lucca ed ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Firenze sotto la guida del Maestro Fernando Farulli. Ha iniziato l'attività artistica nel 1968. Nel 1978, con il pittore Marco Menghelli, ha fondato l'Accademia d'Arte di Pisa, che tutt'ora dirige e nella quale insegna Pittura e Disegno.