Informazione creata ad arte (e cultura)

26 agosto, nuovo appuntamento con il Festival di Poesia e Letterature del Mediterraneo

Nuovo appuntamento con il Festival di Poesia e Letterature del Mediterraneo, il 26 agosto a Taranto, con Angelo Mellone, Silvio raffo, reading e tavole rotonde
Festival di Poesia e Letterature del Mediterraneo
Photo credits: Festival di Poesia e Letterature del Mediterraneo

26 agosto, nuovo appuntamento con il Festival di Poesia e Letterature del Mediterraneo

Festival di Poesia e Letterature del Mediterraneo
Photo credits: Festival di Poesia e Letterature del Mediterraneo
Nuovo appuntamento con il Festival di Poesia e Letterature del Mediterraneo, il 26 agosto a Taranto, con Angelo Mellone, Silvio raffo, reading e tavole rotonde

Prosegue nel segno della parola poetica che si fa ponte la IV edizione di “Primo” Festival di Poesia e Letterature del Mediterraneo, ideato e diretto da Tiziana Magrì, organizzato dall’Associazione Contaminazioni e quest’anno parte della rete del Taranto Grand Tour. L’evento gode del patrocinio morale del Comune di Taranto.

Appuntamento, dunque, sabato 26 agosto con un programma ricco e un ospite di eccezione: Angelo Mellone, scrittore, giornalista e direttore Day Time della Rai che, alle ore 22:00, presso il MUDI, in Vicolo I Seminario, si cimenterà nel suo reading poetico Questo solo ti posso dare, tratto dall’omonimo libro pubblicato dalla nota casa editrice PeQuod.
Il reading sarà accompagnato dalla chitarra di Salvatore Russo e dal contrabbasso di Camillo Pace.
Per potere seguire il reading sarà necessario aver prenotato gratuitamente tramite la piattaforma Eventribe, attraverso il seguente link:
https://www.eventbrite.it/e/biglietti-angelo-mellone-reading-a-festival-di-poesia-e-letterature-del-mediterraneo-704194082457

Sul libro, dall’introduzione di Andrea Di Consoli:

«“Questo solo ti posso dare” è il quarto poema sentimentale e civile di Angelo Mellone – tutti e quattro scritti nell’arco di un decennio molto prolifico per lo scrittore tarantino. Rispetto ai tre precedenti, è il più intimo e privato, addirittura testamentario. Mellone vi si pone il dilemma dell’eredità, rivolgendosi in maniera diretta e frontale ai suoi tre figli, provando a costeggiare senza reticenze lo spettro dell’oblio.»

L’autore

Angelo Mellone (Taranto, 1973) è giornalista, scrittore e Direttore del Day Time della Rai. Editorialista e inviato di politica, cultura e costume per numerosi quotidiani nazionali, è autore e conduttore di programmi radiofonici e televisivi. Ha conseguito il dottorato in Sociologia della comunicazione all’università di Firenze e insegna Teoria e Tecnica della Comunicazione Televisiva e Radiofonica all’Università di Salerno. Autore di diversi libri di saggistica, reportage, ha scritto romanzi, fra cui Cara Tu. Lettera a una ex moglie (ADD, 2014), Nessuna croce manca (Baldini+Castoldi, 2015), Incantesimo d’amore (Pellegrini, 2016), La stella che vuoi (Pellegrini, 2017) Fino alla fine. Romanzo di una catastrofe (Mondadori, 2019), divenuto idea per una serie televisiva, e Nelle migliori famiglie (Mondadori, 2021), da cui sarà tratto un film, e quattro monologhi teatrali: Addio al Sud (Irradiazioni, 2012), AcciaioMare. Il canto dell’industria che muore (Marsilio, 2013), Meridione a rotaia. Storia di sangue, radici e amori senza tacchi (Marsilio, 2014) e Questo solo ti posso dare (PeQuod, 2022), portati in tour in giro per l’Italia.

Il programma della serata

La serata avrà inizio alle ore 18:00, alle Terrazze Vibe, in Viale Virgilio, 2.
In questa suggestiva cornice, Silvio Raffo presenterà il suo romanzo L’ultimo poeta.
A dialogare con l’autore Barbara Gortan e Aldo Perrone.
L’evento è in collaborazione con Gruppo Taranto Associazione Culturale, Museion Società Cooperativa e Casa del Libro Mandese.

L’autore

Silvio Raffo, docente universitario, poeta, narratore, traduttore dal greco antico e dall’inglese, vive tra Roma e Varese. Ha pubblicato una decina di romanzi (fra cui La voce della pietra, finalista a uno Strega e divenuto un film con Emilia Clarke) e ha vinto i più prestigiosi premi per le sue sillogi di poesia, l’ultima delle quali è Il taccuino del recluso. È biografo di Emily Dickinson, di cui ha tradotto l’opera omnia per i Meridiani Mondadori. Collabora con riviste letterarie, radio, televisione e teatri italiani. È membro onorario della EDIS, Emily Dickinson International Society. Il suo romanzo più recente è L’ultimo poeta, edito da Elliot.

Il festival proseguirà alle ore 20:00 presso il MUDI – Museo diocesano di arte sacra, sito in Vicolo I Seminario, Città Vecchia con il Reading collettivo dei poeti di Fallone Editore.
Parteciperanno al reading:

Andrea Brioschi
Francesco Cagnetta
Antonella Chionna
Lidia Fraccari
Gianluca Lacerenza
Pasquale Lucio Losavio
Giuliano Maroccini
Francesco Mola
Vito Russo
Carla Saracino
Vanni Schiavoni

A seguire la tavola rotonda dal titolo Scorrere, citri, poesia. La tavola rotonda vedrà protagonisti intellettuali, poeti e direttori di festival culturali. Parteciperanno:

Sonia Caporossi, Bologna in Lettere
Raffaele Niro, Daunia Poesia. Il Festival delle Piccole Cose
Silvana Kuhtz, Poesia in Azione
Angelo Mellone, scrittore, giornalista e Direttore del Day Time Rai
Alessandro Fusto, Argini Festival
Stefania Ruggieri, Cuckuascia Lyrics
Silvio Raffo, poeta
Giuseppe Semeraro, poeta
Laura Capra, poeta

Seguirà alle 22:00 il reading Questo solo ti posso dare di Angelo Mellone.

Successivamente, Performance di arte visiva di Ezia Mitolo dal titolo Poesie disegnate/Disegni parlati e incentrata sul processo immaginifico dell’atto dello scrivere.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Rosaria Scialpi
Photo credits: Festival di Poesia e Letterature del Mediterraneo
ID: 382182
Licenza di distribuzione:
Picture of Emiliano Cecchi

Emiliano Cecchi

Web Designer per la PuntoWeb.Net sas, mi occupo anche di editoria online sin dal lontano 1996. Già ideatore e curatore di vari portali, sono il co-founder di LiquidArte.it dove svolgo anche il ruolo di content manager. Sono appassionato di storia e di tutto quanto può accrescere la mia cultura.