Informazione creata ad arte (e cultura)

2 dicembre 2022: “Artemisia Gentileschi. Ritratto a due anime”

Testo inviato da: Margherita Rotondi
Foto
Venerdì 2 dicembre 2022 alle ore 20.30 nella Sala etrusca di Palazzo Pesce si racconta “Artemisia Gentileschi. Ritratto a due anime”, una pièce teatrale scritta e interpretata da Monica Angiuli, con la regia di Lino De Venuto.

Uno spettacolo in Puglia per ripercorrere la vita di Artemisia Gentileschi, la più grande pittrice del Seicento: figlia e allieva del pittore toscano Orazio, Artemisia mostrò sin da bambina un grande talento e raggiunse presto importanti risultati. Ma quel destino che sembrava essere stato già scritto fu stravolto da Agostino Tassi, anch’egli pittore, che stuprò selvaggiamente la giovane artista. Da lì prese le mosse la storia di Artemisia Gentileschi, icona del femminismo nel nostro secolo, e da lì prende le mosse il monologo teatrale, scritto e interpretato da Monica Angiuli.

Due anime s’incontrano inconsapevoli l’una dell’altra: Artemisia e Monica si toccano ma non si vedono. Artemisia prende vita all’interno di una mostra multimediale a lei dedicata e Monica rivive frammenti del suo vissuto, subendone l’influenza in un viaggio spirituale che evidenzierà temi di cronaca fortemente attuali come lo stupro, la corruzione, il bullismo.

A comparire, anche virtualmente, fra le pareti affrescate della dimora nobiliare ci saranno anche Tuzia Medaglia, Cristina Angiuli, Agostino Tassi e Michele Santomassimo, mentre le videoproiezioni e le sonorizzazioni sono realizzate da Gino Portoghese.

Comunicato a cura di Stefania Gianfrancesco

Ticket 13 euro (intero) – 10 euro (ridotto under 26) – 5 euro (ridottissimo under 15)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Telegram
Stampa

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Margherita Rotondi
ID: 367256
Licenza di distribuzione:
Emiliano Cecchi

Emiliano Cecchi

Web Designer per la PuntoWeb.Net sas, mi occupo anche di editoria online sin dal lontano 1996. Già ideatore e curatore di vari portali, sono il co-founder di LiquidArte.it dove svolgo anche il ruolo di content manager. Sono appassionato (della domenica) di storia e di tutto quanto può accrescere la mia (molto carente) cultura.